Effetti Immagini

giovedì 12 luglio 2012

Buon compleanno Modì .... Vero Livornese !!!

Il 12 Luglio di tanti anni fa , precisamente nel 1884 nasceva nella città Livornese quello che passerà alla storia come il più illustre dei nostri concittadini , Amedeo Modigliani.
L'artista le quali opere ancora oggi vendono vendute a cifre esorbitanti , come una sua testa scolpita venduta a Parigi alla cifra record di oltre 40 milioni  .


Dedo nasceva d'estate (stagione preferita dalla maggior parte dei Livornesi ) in una casa (tuttora integra ) in via Roma , non lontano dal chiccaio " Sweet sweet way " .
Come tanti Livornesi , amava la sua città ma la sentiva troppo piccola , troppo stretta per le sue esigenze , tanto che da dopo i 18 anni non vi abitò più , vivendo per un breve tempo a Venezia e poi a Parigi , dove morirà poco più che trentacinquenne .
Ma non chiuse mai i rapporti con la sua città ,anzi quando poteva tornava a Livorno anche se solo per cortissimi periodi , ma non sono solo questi viaggi a legarlo alla sua città natale .
Modigliani dalle tante biografie ci viene descritto  come un ragazzo estroso , emotivo e ben educato , un ragazzo che però non seppe limitarsi con gli eccessi .
Non son poche nemmeno le testimonianze che ci ricordano come esso amava brindare nei bar parigini "A Livorno " .
Inoltre era un gran consumatore di hashish e alcolizzato cronico (prediligeva l'assenzio) , amante delle donne , burlone fin quasi all'estremo ( e anche alcuni di questi tratti mi rammentano il livornese tipo ) .
Nonostante i suoi problemi e le sue dipendenze  sapeva però essere poetico , intellettuale e  passionale,  e per tali motivi (oltre che per le sue fantastiche opere)  che questo artista  entrò di diritto nella leggenda .
 Modì ,Picasso e Salmon .                                    
Eppure questa città non ha saputo essere orgogliosa di questo artista , non abbiamo saputo  rendere onore a questo nostro concittadino .
Non abbiamo sue opere e niente è stato fatto per riportarne qualcuna  in città , e apparte la casa natale non c'è nessuna testimonianza ne alcun monumento a lui dedicato (invece della A in piazza Attias , avrebbero potuto mettere una sua statua ) .
Allora invito tutti voi a informarvi su questa figura , a vedere il film girato ad Hollywood  I colori dell'anima e a visitare la sua casa natale .
In quest'ultima oggi alle 21 sarà possibile brindare con champagne e torta , mentre sabato vi sarà una degustazione d'assenzio , anche se le visite durano tutto il mese .

E perché no ?
Stasera avrete una scusa per bere , come del resto faceva lui quando alzava il bicchiere " a Livorno",  e potrete quindi brindare voi  " A Modigliani ".

A presto

Ako


My Blogger Tricks
blogger templatesblogger tricks

5 commenti:

  1. Secondo me bisognerebbe prendere spunto dall'antico adagio latinoo "nemo profeta in patria". Probabilmente se Modì fosse sempre vissuto a Livorno non avrebbe mai realizzato quei grandi capolavori che tutti noi conosciamo. Credo che in un certo senso, per molti altri artisti concittadini, valga lo stesso concetto, la fuga certe volte è un atto necessario per la scoperta di sè.
    Questo non significa che dobbiamo tutti sentirci in dovere di andarcene da qui, ma sarebbe auspicabile una riflessione che possa spingere i giovani che hanno deciso di restare a cambiare dall'interno le cose, che poi è l'unico modo per migliorare il posto in cui viviamo. Ad esempio sarebbe bello poter creare una fondazione, un comitato, un'associazione o chiamatela come vi pare, fatta da giovani appassionati di cultura, per cercare di dare a Modì lo spazio che si merita in questa città. Una via nel quartiere di Sorgenti e un quadretto agreste al museo Fattori non sono abbastanza.
    Spero che questa piccola proposta possa interessare ed essere magari motivo di incontro.
    Saluti e complimenti per il blog,

    Luca alias Caffè Mompracem

    RispondiElimina
  2. Intanto ti ringrazio per i complimenti al nostro blog.,
    Probabilmente hai ragione , la nascita di una qualche organizzazione con il compito di promuovere , far conoscere e valorizzare la figura di Modigliani potrebbe sopperire a qualche problema . Però non posso che sperare che siano l'amministrazioni a valorizzare tale figura . secondo me è doveroso un monumento a Modigliani , un miglior accesso alla sua casa e più mostre ed esposizioni con le opere del nostro concittadino .
    Se non sbaglio ,al mercato coperto Modi aveva i suoi laboratori , si potrebbe pensare di organizzare qualcosa lì .
    Il punto è questo : se mancano testimonianze e opere in città su Dedo basta crearle . Leggevo un articolo della creazione di un museo nella casa natale di L.Da Vinci , non essendoci reperti da esporre , tramite ologrammi e altre tecnologie hanno creato un percorso , nella quale l'avventore può interagire e imparare divertendosi con la storia di Leonardo .

    Continua a seguirci ,
    grazie

    AKo

    RispondiElimina
  3. Non vorrei sembrare troppo severo ma le amministrazioni che hanno governato Livorno dal 1920 a oggi non hanno mai fatto nulla per la valorizzazione della figura di Modigliani, se si esclude quella farsa grottesca del 1984 che passò alla storia come lo scherzo delle teste nei fossi. Se aspettiamo passivamente che chi ci governa ci somministri dosi di cultura dall'alto abbiamo ben poco di cui sperare, anche alla luce dei continui tagli al settore che stanno falcidiando il nostro paese. La cultura appartiene a tutti i cittadini e non alle amministrazioni, la cultura siamo noi, in ogni piccolo gesto che facciamo possiamo influenzare e trasmettere le nostre seppur piccole conoscenze agli altri. Basta solo capirlo.

    Luca

    RispondiElimina
  4. Non posso che concordare

    Ako

    RispondiElimina